myVetrina.com concentrato di Valchiavenna e Valtellina

RIFUGIO BRASCA
RIFUGIO BRASCA foto 1
  • Val Codera
  • Novate Mezzola (So)
  • 0343 63077
  • 339 7176620
  • Scrivimi
  • Posizione in Google Map
  • Slide Show
  • MyVetrina
RIFUGIO BRASCA foto 2RIFUGIO BRASCA foto 3RIFUGIO BRASCA foto 4RIFUGIO BRASCA foto 5RIFUGIO BRASCA foto 6RIFUGIO BRASCA foto 7RIFUGIO BRASCA foto 8RIFUGIO BRASCA foto 9RIFUGIO BRASCA foto 10

RIFUGIO BRASCA VALCODERA

Il rifugio Brasca si trova nei pascoli della stupenda conca che chiude a nord la Val Codera, circondato da una pineta e sovrastato dalle cime in granito del Ligoncio e della Sfinge, da cui scendono due imponenti cascate. 


Costruito nel 1936, all'interno è abbellito da affreschi e decorazioni che lo rendono accogliente e pittoresco. Nel menù, piatti tipici valtellinesi: pizzoccheri, risotto alla bresaola, polenta taragna. 


In Vetrina

Rifugio Brasca Valcodera





COME SI ARRIVA

Arrivati a Novate Mezzola, girare a destra in via Ligoncio, subito dopo la stazione ferroviaria, e arrivare alla fine della strada, dove, all'imbocco del sentiero, si trova un parcheggio.
Di qui, si prosegue a piedi (segnali bianchi e rossi; tempo della camminata: ore 4; dislivello: 1.050 metri). La prima parte del percorso è su un'antica mulattiera lastricata di granito, l'unica via di accesso alla Val Codera. Dopo un paio d'ore di ripida salita a gradoni in un bosco di castagni, superata la frazione di Avedè, si raggiunge Codera, caratteristico borgo alpino tuttora abitato dove, oltre a fare una sosta negli alberghi-ristorante «La Locanda» e «Osteria Alpina», è possibile visitare il museo etnografico.
Lasciato alle spalle il paese, il sentiero prosegue su un pendio più dolce, costeggiando un torrente in una radura cespugliosa punteggiata da ginestre e gigli rossi. Dopo un'altra ora e mezza, si giunge alle case di Bresciadega, dove si trova il rifugio omonimo, dopodiché, camminando tra pini e pascoli su un'ampia strada in disuso, si arriva a destinazione.

ESCURSIONI NEI DINTORNI - A portata di tutti le passeggiate al bivacco Valli, all'Alpe Arnasca, all'Alpe Averta (2 ore circa) e la passeggiata che permette di raggiungere in un'ora un enorme abete bianco di 400 anni situato alla sommità della valle. Servono un po' più di allenamento e 4 ore di cammino per salire al Passo dell'Oro (m. 2.574) e al Passo del Barbacan (m. 2.620), eccezionali punti panoramici e tappe obbligate per raggiungere rispettivamente i rifugi Omio e Gianetti.


Visualizza Valcodera in una mappa di dimensioni maggiori
Copyright © 2007-2017 MyVetrina.it | DiegoGiuriani.com | P. IVA 00887200145 | Mappa | Condizioni d'uso | myMail | myPEC | Vetrine tematiche | Realizzazione siti Internet Sondrio |